perturbazione

PERTURBAZIONE + Caso Live

Venerdì 9 Dicembre
Apertura porte 20:30
Inizio live 22:15
Ingresso 6€ – Biglietti disponibili all’ingresso

Aftershow Ozza DjSet

Doppio concerto di gran classe al Druso di Bergamo.
I Perturbazione sono una delle band di riferimento della scena indipendente italiana. Capitanata dalla voce e dalla penna di Tommaso Cerasuolo, dal 1988 portano sui palchi italiani una ventata di purezza e sensibilità.
Caso è un cantautore bergamasco che dopo una lunga carriera solitaria ha presentato il suo apprezzatissimo disco con band. Non perdetevi una delle ultime date del tour di “Cervino”.

PERTURBAZIONE
INFO
https://it-it.facebook.com/perturband/
www.perturbazione.com/

TOUR
9 metri quadri: sono la superficie minima abitabile di una stanza. Noi in una stanza ci siamo cresciuti, come tanti altri. Si chiama sala prove: i cavi si intrecciano, gli strumenti si sfiorano, le corde e le pelli si toccano. La nostra superficie minima abitabile è proprio la sala prove: dove tutto nasce e dove tutto poi si sviluppa. Dove tutto si prova e si riprova, prima di esibirsi dal vivo. Nell’ultimo periodo i nostri concerti si sono fatti per necessità più grandi: più strumenti, più tecnologia, più musicisti. Ma l’ultimo recente, emozionante giro in Europa ci ha riportato – anche qui, per necessità – alla gestione di una superficie minima, sul palco. Poche cose per poter suonare e creare uno spettacolo. Così ci siamo detti che ci sarebbe
piaciuto prolungare questa esperienza. Di nuovo in 4 sul palco: chitarra, basso, batteria e voce. Pochi strumenti, spazi ridotti. Pelli e corde che si toccano. Come in sala prove, ma dal vivo, con un pubblico di fronte.
Dice: less is more. E pochi metri quadri potrebbero bastare. Una superficie minima abitabile dalla musica. E da chi sta sopra e sotto i palchi.

CASO
(To Lose La Trak – Sonatine – Corpoc)
cantautorato punk

info: Quando Walter Bonatti, figura angolare dell’alpinismo italiano, con le mani gelate abbraccia la croce di ferro sulla vetta del Cervino dopo quattro giorni di scalata solitaria sulla parete Nord (la più impervia, la meno battuta), sente di aver compiuto l’impresa della propria vita, quella con l’articolo determinativo davanti. Più del Dru sul Monte Bianco su cui poi hanno istituito la Via Bonatti (indovinate perché), più del K2 dove era convinto di morire. Proprio di un’immagine del genere aveva bisogno Andrea Casali, in arte Caso, per delineare meglio il suo quarto album. Non per niente chiamato “Cervino”, la montagna delle montagne. Perché le condizioni di Bonatti erano insolite ed estreme in quel febbraio del 1965, così come lo sono state quelle di Caso nello scrivere, arrangiare e registrare “Cervino” cinquant’anni dopo: primo album elettrico, primo con una band alle spalle dopo una vita acustica e solitaria da cantautore post-punk. L’attenzione alle parole, le storie raccontate attraverso immagini e suggestioni, la vita vissuta tradotta in versi e accordi, rimangono invece tratti distintivi delle canzoni di Caso, dal 2009 ad oggi.
Caso suona la chitarra di legno e canta dei suoi pensieri, della sua Bergamo, delle sue gioie e delle sue sfortune. A volte lo fa sul palco, sotto le luci colorate, con microfono e amplificatori. Altre volte lo fa in piedi ad una sedia, senza elettricità e sotto fredde luci al neon. Lo fa semplicemente.

press: “E poi ci sono i testi, che affrontano tanto l’attualità stretta quanto realtà più lontane da noi (la “paura ogni volta che suona la sirena” di “Lario”), tanto tematiche intimiste e personali ma in cui molti potranno identificarsi. E lo fa con una sincerità spiazzante, e un senso della provocazione non gratuita davvero raro. Un esempio su tutti: in “Santo patrono” dice “dopo un anno di pioggia oggi è il primo giorno di sole ma in giornate come questa, baciate dalla luce, questo posto”, c’è una piccolissima pausa, giusto il tempo di aspettarti una bella immagine bucolica, poi: “fa ancora più cagare”. Credo che chiunque viva in una provincia cronica stesse aspettando questa canzone. Grazie a nome di tutti.” Letizia Bognanni – Rockit.it

https://www.facebook.com/casomusic/?fref=ts